Scultura grappolo uva in laminato argento

 Nuove Collezioni  Commenti disabilitati su Scultura grappolo uva in laminato argento
Ott 082012
 

eccoci qua anche oggi con delle bellissime novità sul campo delle bomboniere per cresima e comunione!

potrete vedere un bellissimo grappolo di uva in argento laminato..  che richiama vino del calice delle due sacre cerimonie..

un oggetto di gran classe, che vi farà fare un ottima figura.. questa è la versione non confezionata in cui vi potrete sbizzarrire andando a visitare anche il nostro reparto fai da te.. per confezionare una bomboniera originale!

le misure dell’oggetto sono: H 3x6x5,5 cm

inoltre potrete trovare anche la versione già confezionata da noi, se non avete voglia o tempo di farle per conto vostro..

vi aspettiamo sul nostro shop!!

Maschere per capelli

 hair-style  Commenti disabilitati su Maschere per capelli
Set 192012
 

Avete passato l’estate al  caldo, mare, abbronzatura, piscina.. ma come avete potuto notare i vostri capelli ne risentono.. infatti appaiono meno lucenti, più sfibrati e secchi… quindi cosa fare?

ecco a voi dei rimedi naturali da utilizzare.. senza andare a spendere molti soldi in creme e maschere che a volte non funzionano nemmeno..

Per capelli lucidi e morbidi: occorrono 3 cucchiai di miele, 1 di olio. Dopo aver mescolato con cura potete applicarlo per 30 minuti di posa per poi sciacquare abbondantemente.

Maschera capelli sfibrati: Macera per un’ora 2 cucchiai di avena nel latte caldo, filtra il composto e applicalo freddo sui capelli. Dopo 15 minuti sciacqua abbondantemente con shampoo.

Maschera capelli fragili: Mescola un vasetto di yogurt ad un cucchiaio colmo di miele e lascia in posa un’ora. Lava i capelli con shampoo.

Impacco nutriente: 1 cucchiaio di olio d’oliva, 1 cucchiaino di karitè puro, 1 cucchiaino di olio di jojoba, 1 cucchiaino di olio di lino. Dopo aver messo a scaldare il tutto a bagnomaria applicare sui capelli fino alle punte ed avvolgere con alluminio. Scaldare l’alluminio col phon e lasciare in posa per 1 ora.

Impacco per capelli devitalizzati: frullate un grappolo d’uva e applicate direttamente sui capelli. Massaggiate delicatamente e lasciate riposare per mezz’ora. Lavate come al solito.

Dic 282011
 

“Chi fa qualcosa a capodanno,lo fa tutto l’anno”.

Così recita un noto proverbio che da sempre ci ossessiona la sera dell’ultimo dell’anno,un pò per scaramanzia,un pò per credenza,l’eterna notte del 31 viene affollata di rituali,tradizioni,che guai non osservarepena una lunga e tortuosa sfortuna per l’anno avvenire.

Per non cogliervi impreparati,ho pensato bene,a 3 giorni prima del grande evento,ricordarvi un pò quelle che sono le tradizioni,più conosciute,del nostro paese,in modo da non fare figuracce inaspettate!

Incominciamo con:

Zampone o cotechino con le lenticchie La carne di maiale è  tra le più nutrienti, proprio per questo, lo zampone e il cotechino sono divenute il simbolo dell’abbondanza. Mangiare queste due pietanze a capodanno promette un anno ricco e fortunato,come le lenticchie che sono simbolo del denaro in grande quantità.

 

Uva e frutta secca “Chi mangia l’uva per Capodanno conta i quattrini tutto l’anno”. Questo perché chi raccoglieva l’uva nel periodo invernale significava avere avuto un raccolto ricco.

 

 

Dopo mezzanotte Fate entrare in casa un prete o un uomo molto alto dai capelli neri. Porterà fortuna alla vostra abitazione per tutto il nuovo anno.

Vischio La notte di capodanno, appendere del vischio sulle porte, allontanerà gli spiriti maligni dalla vostra casa,
o basterà aprire la finestra di una stanza buia poco prima della mezzanotte. Non dimenticate di aprirne un’altra, ma questa volta di una stanza illuminata: accoglierete gli spiriti del bene. Almeno così recita la tradizione.

Soldi L’anno nuovo è arrivato e se uscite di casa non fatelo mai con le tasche vuote, ma con qualche soldo,così facendo, l’anno appena nato non sarà “magro”.
e ricordate: Mai negare un prestito di denaro chiesto a Capodanno, il denaro prestato torna indietro centuplicato.
Almeno così si dice,e speriamo che sia altrettanto vero,attenzione però a non approfittarne,anche un paio d’euro possono ritenersi un prestito,non c’è bisogno di aumentare il carico!!

Ott 182011
 

Ingredienti:
50 gr di pistacchi
25 gr di zucchero
100 gr di farina
45 gr di burro
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaio di acqua
175 gr di ricotta
cucchiaio di zucchero
70 gr di yogurt fresco
un uovo
1/2 scorza di limone
12 chicchi d’uva
1 cucchiaio di marmellata di albicocche
2 cucchiai di pistacchi tritati finemente
zucchero a velo

Tempo: 1 ora e 30
Difficoltà: media

Preparazione:
Lavorate in una terrina,con delle fruste,lo zucchero e il burro fino ad ottenere un composto cremoso. Aggiungetevi la farina setacciate e mescolate.
In una ciotola a parte mescolate i pistacchi con il miele e il cucchiaio d’acqua.
Imburrate ed infarinate 4 stampini da muffin e stendetevi la pasta frolla preparata precedentemente. Coprite con i pistacchi al miele.
In una ciotola amalgamate la ricotta con lo yogurt,lo zucchero e il tuorlo,aggiungete la scorza di limone e mescolate. Montate a neve l’albume con un pizzico di sale e incorporatevi la crema alla ricotta mescolando dal basso verso l’alto.
Riempite gli stampi con la crema alla ricotta e ricoprite con un altro strato di pasta frolla. Mettete in forno già riscaldato a 180° per 25′. Pelate i chicchi d’uva dividendoli e togliendovi i semini,scaldate la marmellata di albicocche in un pentolino con un cucchiaio d’acqua,aggiungete l’uva e mescolate. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare. A cottura ultimata lasciate intiepidire la millefoglie,guarnite con l’uva i pistacchi tritati e zucchero a velo.

Questa è una ricetta che ho sbirciato su di un mensile,l’ho provata e ho deciso di rendervi partecipe della mia grande goduria nell’assaggiarle e assaporare la sua straordinaria bontà. Io vi consiglio di provarla è veramente squisita. A me personalmente hanno colpito il particolare abbinamento con i pistacchi (io sono una grande golosa da pistacchi) che mi ha lasciato senza parole.

Bon Appetìt